logo i buoni cugini.jpeg

RisorgimentaliA
rivoluzione siciliana, risorgimento, dominazione borbonica, garibaldi, storia di sicilia, sicilia, torture, le torture in sicilia al tempo dei borboni

NewCondition 11.00
In Stock

Il governo borbonico in Sicilia negò sempre di usare la tortura nelle carceri e soprattutto di usarla sui prigionieri politici, ma Giovanni Raffaele dal 1850 al 1860, tramite delle corrispondenze alla stampa inglese, ne denunziò l’utilizzo sistematico anche mediante la raffinata costruzione di appositi strumenti come la cuffia del silenzio, la muffola, lo strumento angelico. Le sue corrispondenze, riportate in questo volume sono anche uno spaccato dell’obbrobriosa giustizia borbonica e trattano nello specifico anche dei processi farsa, con relativa fucilazione, del barone Francesco Bentivegna di Corleone e del patriota Salvatore Spinuzza di Cefalù, oltre alle torture applicate su i patrioti della provincia di Palermo: Giuseppe Maggio, Giuseppe Lo Re, Salvatore Bevilacqua, Vincenzo Sapienza, Santi Cefalù e sua figlia, Salvatore Maranto e Antonio Spinuzza, tutti eroi finiti nell’ingiustificato dimenticatoio della collettività.

Pagine 112

giovanni-raffaele-le-torture-in-sicilia-al-tempo-dei-borboni-un-periodo-di-cronaca-contemporanea giovanni-raffaele-le-torture-in-sicilia-al-tempo-dei-borboni-un-periodo-di-cronaca-contemporanea