logo i buoni cugini.jpeg

Luigi Natoli
luigi natoli, william galt, romanzo storico, romanzo storico siciliano, palermo, rivoluzione siciliana, rivoluzione 1848, risorgimento

NewCondition 11.48
In Stock

Un uomo devastato da un caso di coscienza, che seppur combattuto dalla tentazione di ricorrere alla giustizia privata, mascherata da apparente legalità, resta pur sempre e solo un uomo non disposto a farsi schiacciare dal potere di una giustizia borbonica privatistica e disumana divenendo così portatore di sentimenti nobili e di grande rettitudine morale. Il giudice Cantelli vive e opera a Palermo sotto il giogo dell'oppressore borbonico, all'interno dei moti "liberaleschi" e popolari del 1847/48 che da lì a poco porteranno il 27 maggio del 1860 Garibaldi a liberare la città in ginocchio da secoli di tirannia. All'interno del romanzo è presente anche il contesto storico, teatro della narrazione fedelmente trascritto da "Storia di Sicilia dalla preistoria al fascismo" di Luigi Natoli (Ciuni Editore - 1935).
 

ISBN:  9788899102319

Pagine 146

Copertina di Niccolò Pizzorno

luigi-natoli-chi-luccise-romanzo-storico-siciliano luigi-natoli-chi-luccise-romanzo-storico-siciliano