logo i buoni cugini.jpeg
senzatarì.jpeg

Shop online

NewCondition 26.35
In Stock
luigi-natoli-alla-guerra-romanzo-storico-contemporaneo luigi-natoli-alla-guerra-romanzo-storico-contemporaneo

NewCondition 18.70
In Stock
luigi-natoli-gli-schiavi-romanzo-storico-siciliano

NewCondition 19.55
In Stock
luigi-natoli-il-paggio-della-regina-bianca-romanzo-storico-siciliano luigi-natoli-il-paggio-della-regina-bianca-romanzo-storico-siciliano

NewCondition 16.15
In Stock
luigi-natoli-fioravante-e-rizzeri-romanzo luigi-natoli-fioravante-e-rizzeri-romanzo

NewCondition 16.15
In Stock
luigi-natoli-ferrazzano-romanzo-storico-siciliano luigi-natoli-ferrazzano-romanzo-storico-siciliano

NewCondition 17.85
In Stock
luigi-natoli-il-capitan-terrore-romanzo-storico-siciliano luigi-natoli-il-capitan-terrore-romanzo-storico-siciliano

1 2 3 4 5 20

Albatro Randagio
opera dei pupi, puparo, palermo, gianluca tantillo, senzatarì, trabia, nespolino, pupo con l'uovo

NewCondition 17.00
In Stock

Trabia, a pochi chilometri da Palermo, si affaccia sul mare. È il paese degli spaghetti, della pesca dei tonni e delle nespole. Qui hanno sempre vissuto gli Schiera, conosciuti con la ‘nciuria di Senzatarì. Una famiglia di grandi faticatori. Una famiglia sempre onesta, anche se considerata un po’ fuori dalle regole, dove ogni tanto ne nasce qualcuno segnato dal destino della ‘nciuria, un po’ folle e senza soldi. È il 1970 e l’ultimo dei Senzatarì in ordine di tempo è Antonino, sicuramente il più spiccioliato, disgraziato e malo combinato di tutti. Mai, dai tempi di nonno Peppino, operaio del pastificio del paese e capostipite dei Senzatarì, e di suo padre Rosario, la reputazione della famiglia era scesa così in basso. Perennemente senza lavoro, Antonino, oramai rassegnato, vive di espedienti giornalieri; non ha nulla, se non una bella moglie e il figlioletto Filippo (sicuro erede della vena dei Senzatarì) e non è nemmeno padrone della casa dove abita perché, anche se sua, è invasa dalla famiglia della moglie che, stabilitasi per qualche giorno, da allora non è più andata via. Ha un ami - co, Mastro Ercole, il puparo, che ogni tanto gli regala una carta di 50.000 lire e gli racconta sempre storie sulla Merica, che ad Antonino pare così lontana che forse neanche esiste; ma nel momento più nero della sua vita, accade un evento imprevedibile che ha del miracoloso e che cambierà per sempre ogni cosa. Antonino Schiera è insicuro, sfortunato, confusionario. È un sognatore incapace di difendersi ma, anche nelle avversità della vita, resta sempre una persona genuina e onesta. A suo modo è un eroe, anche se tragicomico, fortemente tragicomico...
Pagine 239 
In copertina: "Il sogno della Merica" di Daniela Verducci

gianluca-tantillo-senzatari-e-il-sogno-della-merica-romanzo gianluca-tantillo-senzatari-e-il-sogno-della-merica-romanzo