Recensioni Sbirri & sbirrazzi 

In questa pagina abbiamo raccolto le recensioni dei titoli che fanno parte di Sbirri & sbirrazzi:
Senza di te (Ivo Tiberio Ginevra), Per interposta persona (Monica Bartolini), Guarda come si uccide (Ivo Tiberio Ginevra), 
Gli assassini di Cristo (Ivo Tiberio Ginevra) 

Senza di te

Senza di te di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Libroguerriero

di Marco Valenti 

Il megadirettore galattico de I Buoni Cugini Editori torna in libreria e ci regala il nuovo episodio della saga di Falzone e Bertolazzi. Il passare del tempo pare non aver avuto effetti sul nostro duo preferito. Come un buon vino, magari siciliano, che migliora con il trascorrere degli anni, i nostri tornano in grande forma per l’ennesimo capitolo della serialità a loro dedicata. È un noir o un romanzo d’amore? è stata la domanda che mi sono posto non appena ho finito “Senza di te”. La risposta non ha tardato ad arrivare, ed è stata ovviamente “ma cu minchia si ‘nni futti”. È un buon libro, intrigante, divertente e ricco di sfumature che portano lontano, se si ha la voglia di riflettere, soprattutto sui “non detti” del romanzo che emergono pagina dopo pagina.

Ivo Tiberio Ginevra nisseno di nascita, ma palermitano (e tifoso rosanero) a tutti gli effetti, è il titolare della casa editrice I Buoni Cugini Editori con cui pubblica volumi troppo presto “scomparsi” e caduti del dimenticatoio della collettività, ma anche romanzi gialli ma dagli importanti risvolti sociali legati al territorio, come quelli dell’amico Vincenzo Ieracitano, o quelli che scrive in prima persona. “Senza di te” non fa eccezione a quanto detto. C’è la Sicilia, rappresentata dall’immaginaria cittadina di Scrafani, a fare da sfondo alle vicende del commissario Falzone. E con essa tutto il carico di dinamiche legate all’isola e alla sua storia recente e passata. Si parte da una serie di omicidi mascherati da suicidi per arrivare all’ingombrante ombra della mafia quando iniziano a cadere prima un magistrato, poi un maresciallo dei Carabinieri ed infine il figlio di un boss mafioso locale. Una bella “camurria” per Falzone che si sente sprofondare in un pantano da cui non sarà facile uscire. Il commissario Falzone è in preda ad una crisi senza precedenti, il suo matrimonio è naufragato, vive solo come meglio può, al lavoro non va poi molto meglio, anche in questura si sente sempre più solo, alla depressione si somma anche quella “solitudine da carenza di amore”, In un quadro come questo ritrovarsi ad indagare su una serie di suicidi non sembra essere il massimo, del resto quando hai “il deserto nel cuore” il lavoro non può sostituire quello che manca, e il baratro si fa sempre più vicino e sempre più profondo. Lasciarsi andare verso l’estrema decisione è questione di attimi.  A Scrafani non piove mai, ma quando capita sulla città, si scatena l’apocalisse. Fiumi d’acqua sporca mista a liquami di fogna e schifo vario, percorrono le strade in leggera pendenza, accelerando la corsa fino al porto. Saltano i tombini. Si bloccano le macchine. Si allagano i mercati. Va tutto in tilt. I bambini non vanno a scuola. I genitori si recano a lavoro bestemmiando, e soprattutto, il traffico già caotico si congestiona e ricongestiona, fino al punto di bloccare la vita intera di una città d’ottocentomila abitanti. Questa di certo non era la migliore giornata per morire ammazzato a Scrafani. Se poi il morto era un magistrato della Procura, tutto, ma proprio tutto si complicava fino all’inverosimile. Se poi il magistrato era uno dell’antimafia, allora erano cazzi amari per tutti. A complicare ulteriormente le cose ecco l’arrivo teatrale e travolgente del nuovo medico legale, l’affascinante Caterina Arcoleo, Katia per gli amici. Una “fimmina” capace di far girare la testa a ogni uomo. Ovviamente quella di Falzone sarà quella che pià di tutte girerà, trascinandolo in un amore simil-adolescenziale che lo riporterà a vivere sensazioni smarrite nel profondo dei ricordi, in preda a più di un sussultò di quella gioventù che pensava smarrita. In un attimo yutto per lui cambia, e la leggerezza di chi (ri)trova l’amore lo conduce laddove non ricordava nemmeno più di essere stato.La gioia infinita contro la tristezza di sempre. L’istinto contro la ragione […] tutto quello che aveva intorno, gli sembrava estraneo. Addirittura si sentì estraneo a se stesso e se non fosse stato per quel granchio vivo che si era inghiottito parlando con Enzo, che ora si agitava pizzicandolo con le sue tenaglie per uscire dalla gola, avrebbe di certo continuato a nuotare nel nulla cosmico dell’amore imbecille.Come detto il rapporto con la moglie è ai minimi termini, la moglie sta organizzando la controffensiva e sta lavorando per mettergli contro i figli, toccandolo laddove il dolore fa ancora più male, per distruggerlo nella cosa più cara che aveva, una sistematica e mirata distruzione della figura paterna. La doccia calda, la valeriana, le luci soffuse della casa, tutto quanto potesse conciliare il sonno non produceva alcun effetto, e allora nel buio della stanza illuminata dal neon dell’acquario, disteso sul divano con le mani dietro al collo, capì che non era solo l’adrenalina a disturbarlo, ma quell’inquietudine inespressa delle sue preoccupazioni familiari. Il rapporto difficile con la sua ex moglie e la conseguente gestione dei rapporti con i bambini, che stavano crescendo. Bastava un solo momento di puro odio, o follia, per rovinargli la vita per sempre e con la sua anche quella dei bambini, considerati solo come una merce di scambio nelle separazioni familiari – si abbandonò al sonno azzeratore di una sequela di preoccupazioni e di cattivi pensieri in agguato per esplodere. Sonno di pace, nell’inconscia speranza di non svegliarsi mai più. Restando seri, quello su cui pone l’accento Ivo Tiberio Ginevra è, tra le altre cose, la triste situazione di chi, da padre separato, non riesce ad avere un rapporto “normale” coi propri figli, molto spesso e talvolta troppo frettolosamente affidati alla madre in modo esclusivo. Quello dei padri privati dei propri diritti nel rapporto coi figli è un fenomeno molto più diffuso di quanto si pensi. Fa solo meno rumore rispetto a quello che riguarda le donne, ma è altrettanto grave e difficile da risolvere. C’è purtroppo la tendenza a considerare un padre separato come un genitore di serie B, una figura a cui dare sì credito ma in modo e in rilevanza minore.Sono fondamentalmente i rapporti umani, con tutte le loro sfaccettature a caratterizzare il romanzo. Da quelli tra i colleghi, mai facili e spesso caratterizzati negativamente dallo stress lavorativo, a quelli familiari laddove le famiglie si disgregano portandosi dietro un carico d’odio a volte eccessivo, passando per quelli interpersonali tra i due sessi, vero ed autentico mistero che da millenni è oggetto di studio senza però una conclusione univoca e definitiva che metta tutti d’accordo.In chiusura l’ultima riflessione, legata alla letteratura Siciliana contemporanea, cui sono molto legato per tutta una serie di motivi che non è ancora il momento di svelare. Si potrebbero fare paragoni più o meno illustri con altri autori siciliani parlando di Ivo Tiberio Ginevra e dei suoi romanzi. Ma non porterebbe a niente. Ognuno ha i suoi punti di forza, le sue peculiarità, le sue dinamiche che rendono ogni romanzo a suo modo unico e meritevole di pari dignità. Fare confronti non è mai semplice, ma soprattutto elegante. Quello che conta davvero è scovare in ogni romanzo quelle caratteristiche che lo rendono riconoscibile, ritrovare quel “tocco” che ce lo fa collocare immediatamente nell’immaginario dove abbiamo destinato i suoi predecessori. È come nella musica, riuscire da subito a riconoscere lo stile del musicista, assaporare la delicatezza del timbro dopo pochissime note. Questo conta davvero. Non i paragoni in cerca di stupide classifiche di merito.

https://libroguerriero.wordpress.com/2021/09/15/senza-di-te-di-ivo-tiberio-ginevra-i-buoni-cugini-ed...

Senza di te

Senza di te di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Arpa Eolica 

Per il suo stile narrativo scorre e si beve come un buon barbera vivace, ma è una storia molto drammatica. Ivo Tiberio Ginevra è ritornato sul solco del giallo, in quello già tracciato nei due precedenti romanzi Gli assassini si Cristo e Sicily crime la vicenda qui narrata ha una sua piena autonomia e il lettore ci si può cacciare dentro anche se non conosce i precedenti romanzi. Il centro del romanzo “Senza di te”  è l’amore; un amore non di pubblicità e ben laccato,  bensì quello  con tutte le sue contraddizioni relative  al sesso, al gusto,  alla gelosia, fino alla possessività che grava sugli innocenti di passaggio, i figli. Lo strano giallo di due psicologhe, apparentemente suicide, si interseca con altre vicende di contorno;  e poi  si arriva per gradi ad un finale inaspettato ma che conserva un suo filo logico.  Aggiungere altri  dettagli nella presentazione di un romanzo giallo è un vero e proprio delitto nei confronti del lettore;  e allora buona lettura di “Senza di te”  

Francesco Zaffuto 

Senza di te

Senza di te di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione da GoodReads 

Giallo, ironia, amore. C'è tutto in questo libro che, partendo dalla morte sospetta di una psicologa, arriva ad indagare sulle faide di mafia. La scrittura arguta di ivo Tiberio Ginevra sa creare dialoghi impareggiabili fra i due amici-colleghi Falzone e Bertolazzi, ma sa anche far sorridere di fronte al nuovo innamoramento di Falzone, letteralmente "rincitrullito" dalla bella Katia.
Ma sotto l'ironia di Ivo si cela sempre la vena malinconica, così dolorosamente acuta in alcuni punti, che porta a un finale inaspettato, ma non troppo. Conoscendo Ivo, non poteva finire che così.
Senza di te

Senza di te di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Il fatto quotidiano 

di Remo Bassini 

È un buon giallo, ma è anche una storia d’amore a tinte forti il libro di Ivo Tiberio Ginevra, Senza di te, casa editrice I Buoni Cugini. Leggiamo l’incipit: La luce del neon proiettava a terra l’ombra della sua pancia. “Dovrei fare dieta” pensò Falzone, poi prese la pantofola, spiaccicò una zanzara nella mattonella del bagno e si andò a coricare. Erano le quattro di mattina. Immaginava la sua morte, il suo funerale, le facce dei colleghi e quelle dei conoscenti. I discorsi della gente. Quasi quasi, la cosa cominciava pure a piacergli. Non era depresso, ma gli piaceva fantasticare su questa cosa, nel buio della sua stanza da letto. Pensò pure al suicidio che non avrebbe mai fatto.

“Senza di te” è un giallo colorato di Sicilia con “infiltrazioni” mafiose. Un giallo che si salda alla storia d’amore tra il commissario Mario Falzone, il tranquillo poliziotto protagonista, e Caterina, una gnocchissima medico legale tutta pepe, che ama scorrazzare in moto e cenare in trattorie dove si mangia il pesce buono. È una storia d’amore folle, strana, ma soprattutto insolita, perché racconta di un amore impossibile che poi diventa possibile per poi tornare impossibile o forse no, e che comunque incanta. Il libro, come detto, è un giallo. Bene, lo è anche la storia d’amore, non foss’altro per il finale a sorpresa, che non ti aspetti.

Ma è il protagonista, il commissario Mario Falzone, che vede indagare su alcuni strani suicidi, il vero punto di forza del libro. Per tante ragioni. Perché non è un duro e non si prende troppo sul serio. Perché non è ambizioso. Perché in amore è maldestro. Perché tra figli ed ex moglie avvelenata e avvocati che non si trovano mai fa solo incetta di casini. Perché – soprattutto – quando pensa, e quando pensa spesso ricorre a un siciliano comprensibile anche ai nordici, il commissario Mario Falzone fa ridere e sorridere, pagina dopo pagina. Cosa rara, questa, per un libro giallo, ma che che segue la scia del grande Camilleri.

Ricapitolando, i grandi protagonisti di questo sono tre: la trama gialla di buona fattura, una storia d’amore potente e a tratti un po’ crudele, e una quintalata di sana ironia (che fa bene al sistema immunitario).Siciliano di Caltanissetta, Ivo Tiberio Ginevra, classe 1961, per anni ha letto e recensito decine di libri, soprattutto gialli. Anni fa si è dato all’editoria, fondando (a Palermo) la casa editrice I Buoni Cugini che ha il grande merito di aver valorizzato, ripubblicandone i romanzi storici e le poesie, il grande scrittore siciliano Luigi Natoli.“Senza di te” è il terzo libro giallo scritto da Ivo Tiberio Ginevra. Come abbiamo detto un gran bel giallo. Il titolo, diciamolo, non è un granché: l’autore, dal momento che è anche un editore, poteva sforzarsi un po’ di più per trovarne uno un po’ più originale.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/08/28/senza-di-te-un-buon-giallo-con-una-potente-storia-damore...

Senza di te

Senza di te di Ivo Tiberio Ginevra 
Recensione da The blog around the corner 

Ora come ora, se uno scrive un giallo, non può più ammazzare liberamente qualcuno perché altrimenti quei disonesti della scientifica ti vengono subito a prendere!”
Così lo scrittore Ivo Tiberio Ginevra ha presentato a Interviste (im)perfette i personaggi con cui dà vita a dei gialli umoristici e macchiettistici: il commissario Mario Falzone, il vice questore Pietro Bartolazzi e il medico legale, donnaiolo impenitente, Enzo Di Pasquale che interagiscono e indagano nell’immaginaria Scrafani, cittadina sicula dove sembrano concentrarsi i vari cliché dell’isola che fanno tanto folklore e che i siculi sono bravissimi a esportare. Personaggi che sembrano voler fare il verso a ben più illustri epigoni coi quali l’autore condivide il gusto per l’esagerazione e la levità (ci viene in mente il Sanantonio di Dard).
In questo terzo romanzo, Senza di te (in precedenza aveva pubblicato Gli assassini di Cristo e Sicily Crime), i personaggi di Squadrito, tra uno struggimento amoroso e patimenti professionali, dovranno risolvere casi complicati, a cominciare dall’omicidio camuffato da suicidio della psicologa Balzaretti. Sarà l’avvenente medico legale Caterina Arcoleo, Katia per gli amici, a intuire che la poveretta non si è impiccata e a fare palpitare il cuore del commissario. Ma in un giallo, per quanto umoristico, gli omicidi seri non mancano, come quello di Antonella Ficano, inflessibile giudice dell’antimafia. La chiamavano il condor, per via del suo naso.
Anche come carattere era un avvoltoio. Era una gran rompicoglioni. Pignola, sospettosa di tutti, anche dei suoi migliori collaboratori e prevenuta su ognuno per principio di vita. La gente la faceva piangere. La distruggeva psicologicamente. Una volta dei miei colleghi sotto inchiesta per una questione d’appalti all’AUSL, mi hanno raccontato delle cose terribili. Intanto per prima cosa li ha sbattuti subito in galera e poi, per esempio, durante gli interrogatori spegneva il registratore e li minacciava ricattandoli di lasciarli marcire in cella se non confessavano o se non facevano i nomi dei complici. Ha ammollato senza pietà sei mesi di carcerazione preventiva a ognuno, e questi alla fine del processo sono stati prosciolti a formula piena per non aver commesso il fatto. Non era una donna quella, ma una faina, però devo dire che i risultati li ha anche ottenuti. Anni fa collaborando insieme ai giudici Migliaccio e Di Somma, ha messo in galera tutta la famiglia mafiosa dei Bercellino e tante altre.
Un altro magistrato, verrà ucciso, il giudice in pensione Gianfranco Monteleone.
Questa è una guerra di mafia iniziata con l’uccisione del giudice Ficano, come se avesse rotto gli equilibri di una pax mafiosa, infatti, dopo quest’omicidio, hanno cominciato a darsele di santa ragione e senza esclusione di colpi regolando dei vecchi conti in sospeso, da qui l’eliminazione del maresciallo Davì e del giudice Monteleone.
La trama gialla, infittendosi, dipanerà la contrapposizione dei sentimenti che coinvolge anche i due protagonisti, Falzone e Bertolazzi, i quali non sfuggono alla regola dei contrari di cui è permeata l’intera orlatura del romanzo. Riflessivo, gentile e triste il commissario, con un passato familiare complicato, fa da contraltare al vice questore Pietro Bertolazzi, irruento, insofferente alle regole, sgarbato e irascibile.
Mario, distratto e fulminato sulla via di Damasco dalla sensualità di Katia, di cui si innamora, dovrà difenderla dalle mire e dagli ormoni impazziti del suo amico, il medico legale Enzo Di Pasquale, brillante professionista ma ammalato di passera, che non trova di meglio da fare, mentre è in viaggio negli States, che telefonare anche in piena notte ai due e far sentire loro le sue capacità amatorie, mentre sta a letto con donne nere.
L’autore, a cui non sarebbe dispiaciuto da grande fare il commissario di polizia e avere degli amici leali come Bertolazzi e Di Pasquale, nel frattempo è diventato anche editore. Infatti, per non lasciare nel dimenticatoio il tanto di buono che questa terra produce, insieme a sua moglie, Anna Squadrito, anni fa ha fondato la casa editrice “I Buoni Cugini editori” con cui ha recuperato tante opere dimenticate di Luigi Natoli, facendosi un nome per un pubblico di nicchia nel pur affollato mondo editoriale e, di tanto in tanto, pubblicando anche altri romanzi, come questo.
Un cenno, infine, alla cucina isolana giocando, anche qui, sulle contrapposizioni: il commissario, pur non potendo soffrire il pesce, non ha il coraggio di dirlo a Katia, che al contrario ne divora a sazietà. Ancora l’autore: “Mario odiava il pesce alla follia, colpa di sua madre che da piccolo lo aveva ingozzato con sgombri e merluzzi bolliti per farlo crescere pieno di fosforo, e mentre Katia parlava della moto, del suo paese attaccato al Vesuvio, del regno delle due Sicilie, i camerieri servivano otto antipasti di mare: polipetti, lumache, ostriche, gamberi crudi, cozze, patelle, alici marinate e seppioline fritte. Lui li assaggiò prestando un finto interesse, ma a ogni boccone lo sconcerto lo tramortiva, allora beveva un sorso di vino per affogare il disgusto. Katia invece attaccava ogni piatto con la precisione e determinatezza di un ninja”.
Roberto Mistretta 
Senza di te

Senza di te di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Thriller Café

Oggi al Thriller Café vi parliamo di Senza di te, un romanzo di Ivo Tiberio Ginevra, edito da I Buoni Cugini Editori. 

Quando il cellulare squilla alle quattro di mattina, il Commissario Mario Falzone sa già che qualcuno è morto. Quello che ignora è che il caso che dovrà risolvere finirà per cambiargli la vita. C’è una psicologa che si è impiccata alla ringhiera di una scala, ma è un suicidio strano: troppi i dettagli che non quadrano. A sostenerlo è il medico legale, l’affascinante Caterina Arcoleo. Per Falzone è amore a prima vista: basta un suo sorriso per consegnarlo “al custode dei pazzi”. Convinto dalla tesi della bella Katia, il commissario la accompagnerà in un’indagine sospesa tra amore e morte.
La vita di Falzone è tutt’altro che serena: le schermaglie legali con la sua ex-moglie, da lui gentilmente soprannominata “la strega”, gli impediscono di vedere i suoi due figli quanto vorrebbe e gli avvelenano l’esistenza. L’avventura con la giovane coroner rappresenta per lui una boccata di aria fresca, ma anche un inferno di pene di amore e gelosie in cui si trova scaraventato suo malgrado. Intanto, per le strade di Scrafani è scoppiata una guerra di mafia. Le famiglie locali hanno assassinato un magistrato della procura, e le ricerche di Falzone incrociano le oscure trame di Cosa Nostra… Per fortuna ad aiutarlo ci saranno gli amici di sempre: il medico legale e seduttore impenitente Enzo Di Pasquale e l’immancabile Pietro Bertolazzi, dalla bestemmia facile ma dal grande cuore.

Senza di te è il terzo romanzo che l’autore dedica al duo investigativo Falzone e Bertolazzi, ma lo si può tranquillamente leggere in modo slegato dai precedenti. Quello che mi ha più colpito di questa lettura è il modo multiforme in cui procede la vicenda. Il libro inizia con toni malinconici, poi si trasforma in commedia con sfumature erotiche, senza perdere mai la sua identità di giallo. Il dramma, infatti, scorre sotto il testo come un fiume sotterraneo e si rivela appieno a mano a mano che si procede verso la conclusione, sfociando in un labirinto di falsi finali degno della migliore tradizione thriller. Il tutto, senza soluzione di continuità e soprattutto senza perdere tensione narrativa: le quasi trecento pagine scorrono fluide, catapultando il lettore su una montagna russa di emozioni contrastanti: l’amore fa posto all’odio, la vendetta cede il passo al perdono e all’allegria segue la tristezza. Come se non bastasse, gli stessi personaggi sono antitetici: tanto Falzone è riflessivo e triste quanto Bertolazzi è irruento e sgarbato.

Al thriller si intreccia anche il dramma familiare: attraverso le vicissitudini di Falzone, l’autore ci parla di una moltitudine di persone che ha visto il proprio sogno di idillio familiare trasformarsi in un incubo senza via d’uscita in seguito alla separazione. 

Far stare tutto questo dentro i confini di un giallo non era un’impresa facile, ma vi posso assicurare che Ivo Tiberio Ginevra ci è riuscito. La Sicilia non è semplicemente lo sfondo di questo romanzo, ma ne costituisce anche l’anima. Il pensiero corre inevitabilmente ad Andrea Camilleri e al suo Montalbano, ma le pagine di Ginevra sono diverse, più sanguigne, popolate da personaggi urlanti e spettinati, vibranti di vitale imperfezione. La solarità siciliana, certo, ma lontana dal luogo comune perché temperata da una “blue note”, una nota malinconica che si fa sentire attraverso le pagine e che viene ben rappresentata nell’elegante copertina, ricavata da una bella foto in bianco e nero di Maurizio Pizzolorusso. Per capire davvero la scelta della copertina, però, dovrete aspettare fino all’ultima pagina…

Quando leggo, mi piace ascoltare un po’ di musica: penso che ne esalti il sapore, un po’ come fa il vino con il cibo. Per accompagnare la lettura di un giallo così particolare, vi propongo un ascolto altrettanto caratteristico, e soprattutto senza spostarci dalla Sicilia. È un disco di quasi vent’anni fa, che ho amato, dimenticato e recentemente riscoperto con rinnovata passione: Matri mia, della Banda Ionica. Roy Paci, in compagnia di una folta schiera di artisti (tra tutti ricordo Vinicio Capossela, ma ce ne sono molti altri di tutto rispetto) gioca con gli ottoni delle processioni religiose del Meridione per regalarci una musica antica e nuova al tempo stesso. Lo trovate qui.

Per concludere: se siete alla ricerca di un buon libro da portarvi sotto l’ombrellone, Senza di te è probabilmente il romanzo che fa per voi. Buona lettura!

Gian Mario Mollar

Per interposta persona

Per interposta persona di Monica Bartolini
Recensione di Giuseppe Previti 

Una mattina di routine sembra attendere il maresciallo Nunzio Piscopo al suo rientro in caserma dal tribunale, quando la notizia dell’uccisione di un gioielliere nel
suo negozio scatena il terremoto tipico di fatti del genere. Ma qui la storia si farà ancora più bollente perché l’arma che ha ucciso l’uomo appartiene inequivocabilmente
al Maggiore Spada, comandante la locale Stazione dei Carabinieri, al momento irreperibile perché si è preso una mattinata libera per andare a provare la nuova moto.
Ma la vicenda diventerà ancora più ingarbugliata, l’ufficiale ammette senza reticenze che l’arma del delitto è la sua, subito i suoi uomini fanno quadrato intorno a lui,il
magistrato incaricato, una donna sempre abbastanza acida, vede l’occasione per una inchiesta di gran richiamo che potrebbe giovare alla sua carriera.
Si sviluppa una vicenda assai complicata legata com’è a situazioni familiari ben fuori della norma, la moglie del maggiore ha ben due amanti, uno era il gioielliere morto,
ha una figlioletta che praticamente è allevata dalla moglie del maresciallo. L’altro suo uomo è implicato con la mafia, insomma tutti hanno qualcosa da nascondere e
nessuno è puro….

Torna in libreria Monica Bartolini, scrittrice sempre interessante, vincitrice di vari premi, assai attiva anche nei blog dove cura molte recensioni. Un personaggio seriale§
dei suoi romanzi è il maresciallo dei carabinieri Nunzio Piscopo, che appunto ritroviamo in questo nuovo romanzo Per interposta persona.
La storia prende avvio da una presunta rapina in una gioielleria in cui viene ucciso il gioielliere, ma presto si capisce che sotto c’è ben altro, e dell’omicidio verrà accusato
il comandante della locale stazione dei carabinieri, il maggiore Spada. Ma questa è una storia a più personaggi, il gioielliere era l’amante, anzi uno degli amanti della moglie
dell’ufficiale, addirittura il padre della figlioletta che Spada aveva riconosciuto come sua, e per la cronaca va detto che il terzo uomo della signora era un piccolo boss della
mafia locale.
Ovviamente ci saranno altri morti, storie di famiglie squallide al di là della facciata, indagini che si intrecciano e che gravitano intorno ad affari di mafia, magistrati e
carabinieri e altro ancora. Certamente tanti personaggi portano a varie relazioni, ci sono i buoni (ma…pochi) e ci sono i cattivi(tanti !), ma alla fin fine si fatica a distinguere
chi sono gli uni e chi sono gli altri. E del resto se ci mettiamo nei panni dell’investigatore protagonista, il maresciallo, che poi nei gialli rappresenta sempre un po’il lettore, vediamo che fatica molto a districarsi tra i tanti eventi che si succedono e si mescolano in continuazione,in un gioco di sfumature e di ipotesi, in cui le certezze sono ben poche.
Ci si addentra quindi in una storia dalle molte sfaccettature che variano a seconda dei comportamenti dei personaggi che si muovono e agiscono secondo il proprio tornaconto,
qui ripetiamo,il bene e il male si confondono, e anche chi è chiamato a indagare spesso è prevenuto. Ad esempio Piscopo parte dal principio che il maggiore è innocente, il
magistrato invece vede nell’indagine una grossa opportunità per la sua carriera, e tutto questo non facilita certo l’indagine.
Va pure detto che niente al giorno d’oggi è netto nella vita quotidiana, il bene e il male spesso si confondono e si sovrappongono. La Bartolini ha scelto un modo originale di
raccontare quella che non è altro che la metafora sui mali del mondo di oggi, qui narrata sfruttando la chiave del giallo.
Il maresciallo è un idealista, la moglie e la figlia sono più pratiche pur rimanendo sempre al loro posto. Chi non lo ha fatto è quel personaggio diabolico che si rivela essere
Tiziana, la moglie del maggiore, che raggira un po’tutti, coltiva più relazioni, beve, si droga,trascura la figlia, viene da un brutto passato con alle spalle dei traumi infantili che
non si dimenticano. Ma più che una dark lady sembra una che voglia fare la bella vita a qualsiasi costo, approfittando delle debolezze degli uomini che la circondano.
Il maggiore è il personaggio più complesso di questa storia, difficile da interpretare, forse è la vera vittima di quanto succede, anche se apparentemente niente sembra>
scalfirlo, i capitolo del romanzo sono preceduti a volte da frasi di Pirandello, e lui sarebbe un buon personaggio pirandelliano, in un continuo alternare l’apparenza alla
realtà, sperando così di conquistare l’amore della moglie….
Alla fine esiste un burattinaio che ha tirato le fila di tutto questo gioco al massacro ? La risposta la lasciamo ai lettori. non ce la da nemmeno Piscopo….
Possiamo aggiungere che il metodo narrativo passa dai tratti in corsivo dove il maresciallo si esprime in prima persona a capitoli in terza persona dove si racconta
l’evolversi della storia.

http://www.giuseppepreviti.it/2019/03/10/per-interposta-persona-di-monica-bartolini-i-buoni-cugini-e...

Per interposta persona

Per interposta persona di Monica Bartolini
Recensione dal blog fattiifattituoi 

Lo stile pulito, scorrevole e vivace, ma soprattutto la capacità di esplorare il punto di vista di tutti i personaggi coinvolti nella storia, pur tenendo salde le redini della voce narrante attraverso i pensieri del protagonista: sono queste le peculiarità che fanno dei romanzi di Monica Bartolini delle storie di grande qualità, che lasciano profonda nostalgia nei lettori più voraci, destinati a terminarle sempre troppo in fretta. E anche “Per Interposta Persona”, I Buoni Cugini Editori, l’ultimo romanzo in ordine di tempo della Rossa che Scrive Gialli, non fa eccezione e non delude, riportandoci alle atmosfere dense di mistero, ma mai prive di umanità, che caratterizzano il modo di condurre le indagini del nostro Maresciallo Nunzio Piscopo, ormai “maturo” e a un passo dalla pensione, ma mai sufficientemente “distaccato”, nonostante i numerosi casi della sua carriera. 
In questa nuova avventura la trama gialla, così sapientemente intessuta da Monica Bartolini, ruota attorno all’assassinio dell’ambiguo gioielliere Greco che ha tutta l’aria di essere un regolamento di conti, ma, in realtà, attraversa l’intimità di tante famiglie unite non solo da legami di sangue, ma anche di lavoro e amicizia, avvolgendo lo stesso Piscopo in una morsa che lo serra nella difficoltà di mantenere più di una promessa, senza che nessuna confligga con l’altra. Sì, perché quando a essere sospettato è proprio il suo superiore, il Maggiore Spada, a causa della presenza della sua pistola sulla scena del crimine, Piscopo fa il possibile per mantenere lucidità e fiducia in se stesso e nella divisa che porta, facendosi forza della sua capacità di intuizione e interazione con tutte le complesse personalità con le quali verrà a contatto nel corso dell’indagine. Ma la situazione si rivelerà più intricata e dolorosa del previsto.
In un dipanarsi incalzante di indizi apparentemente contraddittori, lasciati come briciole dall’autrice, pagina dopo pagina, Piscopo accompagna i lettori e si lascia guidare dalla sua umana sensibilità più che da tutti gli altri mezzi investigativi che possiede, per cercare, da un lato di far luce sugli eventi, dall’altro di svelare la realtà dietro alle apparenze di un caso più scomodo di quel che sembra.  Non solo mafia, provincia e fatti di sangue, Monica Bartolini attraversa e approfondisce tutte le sfaccettature dell’amore, soffermandosi con grande dolcezza e delicatezza su quello genitoriale e filiale e analizzando mancanze, debolezze e imperfezioni che caratterizzano proprio tutti coloro che sono coinvolti nella vicenda. Fin dove sarà costretto a spingersi Piscopo per far luce su tutta la faccenda? Metterà in gioco se stesso e i suoi legami più cari fino in fondo? A chi e in cosa potrà credere oltre che nelle sue sole forze?
Tra frustrazione, delusione, amarezza e incertezza per il futuro, il nostro eroe dovrà far fronte a sorprese e continui colpi di scena, verso un epilogo inaspettato e nuovi panni da vestire in cui sentirsi un “uomo nuovo”.
Alessandra Rinaldi 
http://www.fattiifattituoi.com/2019/05/per-interposta-persona-di-monica-bartolini.html


Per interposta persona

Per interposta persona di Monica Bartolini
Recensione dal blog ThrillerCafé

Il Maresciallo stra-ordinario in quanto immaginario è tornato! Dopo “Interno 8” e “Le geometrie dell’animo omicida”, è appena uscito per I Buoni Cugini Editori “Per interposta persona” di Monica Bartolini. Lo recensiamo al Thriller Café.
Il Maresciallo Nunzio Piscopo, giunto al terzo capitolo della serie che lo vede protagonista, si trova davanti a una scena del crimine all’apparenza ordinaria: il gioielliere Vito Greco è stato ucciso nel suo negozio a colpi di pistola ed è facile ipotizzare una rapina o un regolamento di conti; eppure, da subito, qualcosa non torna. Non è stato rubato nulla e soprattutto, accanto al cadavere, viene trovata la pistola d’ordinanza del Maggiore Spada che ne ammette, senza reticenze, la proprietà.
Dai qui l’inizio di un’indagine in cui segreti ben custoditi fino a quel momento verranno a galla e in cui molte maschere della finzione cadranno. Con il procedere delle pagine emergeranno intrecci inaspettati di storie, personaggi ed esistenze; bene e male si alternano e si mescolano seguendo un ritmo brillante e una struttura del romanzo originale e fuori dal comune. È un libro che unisce logica, deduzione, ricerca di indizi e interrogatori – propri del poliziesco classico – alle tecniche investigative scientifiche più moderne che l’autrice padroneggia con rimarchevole competenza.
Grandi sono i dilemmi che investiranno Piscopo oltre l’accusa infamante al Maggiore Spada: un giuramento da rispettare, una famiglia da tutelare e un’altra da tenere insieme, la dolorosa sensazione di non sentirsi all’altezza, l’onore dell’Arma come unica stella polare. Tra le molteplici tematiche che Monica Bartolini affronta, toccano nell’animo l’amore genitoriale e filiale – intesi come presenza o purtroppo mancanza – raccontati in ogni singola sfumatura: il nucleo familiare può essere salvifico ma può anche distruggere. Scava dentro l’animo umano l’autrice, ne coglie l’essenza, mette a nudo i sentimenti più nobili e i vizi malati, i suoi protagonisti commuovono ma sanno anche strappare un sorriso.
La scrittura è moderna e frizzante; lo stile rapido e incisivo, e quel pizzico di ironia che avvertiamo soprattutto nei pensieri e nelle battute del Maresciallo, è piacevole e stempera la tensione che porta all’epilogo intenso e inatteso. Si ha la confortante sensazione di giungere alla risoluzione del caso tenuti per mano da Piscopo, attraverso le sue emozioni e il suo essere carabiniere integerrimo e uomo fallibile, come tutti.
Per interposta persona

Per interposta persona di Monica Bartolini Recensione dal blog Contorni di noir 

È sempre complicato mantenere a lungo un segreto. Se poi i segreti sono più di uno, le cose possono finire con lo sfuggire letteralmente di mano e far crollare impalcature che con loro si portano detriti e polvere, verità ingestibili e labirinti emotivi da cui non si riesce più a scappare.
Intrecci di storie quasi sempre significa anche intrecci di persone. Di vite. Di famiglie.
Il maresciallo Nunzio Piscopo viene chiamato sulla scena di un crimine alquanto insolito, l’assassinio di Vito Greco, ucciso a colpi di pistola nel suo negozio. In quell’ambiente particolarissimo si potrebbe ipotizzare qualsiasi cosa, dalla rapina andata a finire male a una vera e propria esecuzione magari per uno sgarro. Ma non è l’ipotesi di reato a lasciare esterrefatti gli inquirenti, bensì la presenza della pistola di ordinanza del maggiore Spada accanto al cadavere del gioielliere. E considerato che nel negozio sembra non essere stato rubato un bel nulla, allora il mistero della barbara uccisione prende davvero un risvolto particolare. Inoltre, il maggiore non tentenna neanche un attimo ad ammettere che quell’arma è sua e nonostante le manifestazioni di stima e fiducia dei suoi uomini sembra prontissimo a assumersi qualsiasi responsabilità emerga sulla sua persona. Nunzio Piscopo non avrà vita facile per riuscire ad arrivare alla verità e soprattutto scoprirà che per interposta persona sono tante le cose che si possono fare, nella vita pubblica ma anche in quella privata di molte persone.

Monica Bartolini dà vita a un poliziesco che non teme nessun confronto con i best seller internazionali perché, oltre a costruire una trama che tiene alla perfezione, ci aggiunge un brio e una vivacità di stile e linguaggio che alla fine solo gli autori italiani più ispirati sono in grado di imbastire. Per interposta persona non è solo un bel giallo, ma è una sorta di manuale per riflettere sulla natura dell’uomo e sui suoi impulsi più primari. Le pagine più belle, infatti, sono quelle che affrontano le mancanze emotive e i vuoti sentimentali. Pagine che fanno da traino a una azione che non è mai fine a sé stessa, ma che viene saggiamente spalmata dall’autrice attraverso una indagine che scava e rimesta in misteri e azioni in cui l’interposta persona sembra doversi occupare oltre che della propria vita anche di moltissimo altro. Tensione e psicologia quindi in questo interessante romanzo, ma anche la possibilità per i lettori di ritrovare uno personaggio unico e particolare come Nunzio Piscopo che dopo aver appassionato i lettori con le avventure precedenti torna in una indagine che lo vede, se possibile, ancora più protagonista come carabiniere e come uomo.

Antonia del Sambro

Per interposta persona

Per interposta persona di Monica Bartolini Recensione dal blog Libroguerriero 

Un ambiguo gioielliere viene ucciso con modalità che fanno pensare a una resa dei conti. L’arma del delitto è una pistola di proprietà del maggiore Spada, comandate della locale stazione dei carabinieri. Nunzio Piscopo, maresciallo alle soglie della pensione, rodato investigatore e carabiniere di traboccante umanità, fa quadrato con i colleghi per dimostrare l’innocenza del superiore.

Una ragnatela di sospetti si irradia dal delitto insinuandosi nella complessa realtà del posto e arrivando a lambire gli affetti interconnessi di indagati e inquirenti, la mafia locare, scabrosi e remoti antefatti.

Un’indagine, quest’ultima di Piscopo, che procede sghemba e ramifica incessantemente intrappolando il maresciallo in un mortifero timore di inadeguatezza professionale e umana.

Vi sono libri che seducono per la profondità, la qualità della scrittura, l’impianto narrativo, le atmosfere. E altri, come questo “Per Interposta Persona” di Monica Bartolini (nella foto sotto) che, in più, vantano uno sguardo radiografico sui personaggi. Romanzi scritti con una sapienza emotiva che intaglia e vivifica protagonisti irresistibili nella loro calda autenticità. Ovviamente un’autenticità infusa, il cui sinonimo è umanità. L’umanità dell’autrice.

Caterina Falconi

https://libroguerriero.wordpress.com/2019/04/06/per-interposta-persona-di-monica-bartolini-i-buoni-c...

Guarda come si uccide

Guarda come si uccide
di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog ThrillerPages

Recensione a cura di Massimo Minimo

"Guarda come si uccide" di Ivo Tiberio Ginevra è il nuovo thriller I Buoni Cugini Editori recensito da ThrillerPages
Due vicende apparentemente non collegate fra loro costituiscono la base di questo breve, intenso romanzo. Da un lato, un gruppetto di ragazzini si sfida in una prova di coraggio: entrare nelle pericolanti rovine di una vecchia clinica. Dall’altro, il figlio di un ex boss aspira a diventare un vero mafioso.  All’inizio le due storie corrono parallelamente per poi incontrarsi, dando vita a un sorprendente finale.
Ambientato negli anni ’70 in un paesino siciliano, Guarda come si uccide è il terzo thriller scritto da Ivo Tiberio Ginevra, il primo pubblicato con la sua casa editrice I buoni cugini editori. Il romanzo segna la perdita dell’innocenza di un gruppo di amici, in particolare Calogero, costretto, suo malgrado, ad assistere a scene drammatiche.
L’intervento di una presenza quasi sovrannaturale, una sorta di deus ex machina volge la situazione a vantaggio dei “buoni”, dopo una serie incalzante di colpi di scena. Il tutto a conferma della bravura dell’autore, che quasi “si vanta” di non aver mai presentato un suo romanzo. Noi lettori cercheremo di fargli cambiare idea, che sia la volta buona?
https://thrillerpages.blogspot.com/2016/08/recensione-guarda-come-si-uccide-di-ivo.html#more
Guarda come si uccide

Guarda come si uccide
di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog La bottega del giallo 

STORIA DI MAFIA IN UNA CLINICA ABBANDONATA

E’ il 1974. In un piccolo paese siciliano Don Pinuzzo è il miglior cliente del Bar Kennedy. Ha quarantasei anni, vive delle rendite che gli ha lasciato il padre, un uomo d’onore morto in prigione per non tradire un amico mafioso, e vorrebbe seguire il suo esempio, pensando che abbia vissuto in modo eroico e giusto. La mafia non si fida di lui perché è un chiacchierone e un perditempo.

Fuori dal paese c’è una vecchia clinica abbandonata , costruita dai nobili Arpazza, un edificio che sta in piedi per miracolo, dove un gruppo di ragazzini fa una prova di coraggio: devono entrare in quell’edificio sporco e pericolante e raggiungere il terzo piano, sfatando una leggenda di fantasmi. In palio ci sono figurine Panini, monopattini e….la stima degli altri ragazzi del gruppo.

Finalmente un mafioso si degna di dare un incarico a Don Pinuzzo, accendendo in lui la speranza di una successiva affiliazione: dovrà portare un suo amico che non vuole pagare il pizzo da Don Mariano, il capomafia. Dopo pochi minuti nei quali l’amico viene picchiato brutalmente Don Peppino comprende di colpo cos’è la mafia e chi era veramente suo padre ed inizia ad avere una tremenda paura. Il mito mafioso che lui romanticamente aveva idealizzato si sgretola in un attimo e la violenza brutale alla quale i malviventi vogliono farlo avvicinare lo terrorizza e lo blocca. Viene perciò chiamato femminuccia e a sua volta pestato.

"Tu sei senza palle. Non sei degno di portare il cognome di tuo padre. Se c’era lui a ‘sto infame gli aveva sparato in testa, violentato la moglie, ammazzato i figli e bruciato la tabaccheria, ma tu sì ‘na cosa inutile. Hai sbagliato Giuseppe. Hai sbagliato e ora so cazzi. Vituzzu, fai vedere a ‘stu minchione come si ammazza un infame".

Il romanzo procede intersecando la storia dei ragazzini con quella dello sfortunato Don Pinuzzo e con la presenza di una misteriosa donna anziana proprietaria di tre cani feroci. Il ritmo del racconto si fa sempre più incalzante fino al termine dell’incubo al quale il lettore giunge letteralmente senza fiatoL’autore sa condensare in 135 pagine una storia aspra che parla della mafia degli anni ’70 e del fascino che ha esercitato verso molte persone, aprendoci gli occhi sul male che ha fatto e sulla violenza fisica e psicologica che ha creato intorno a sé, non fermandosi nemmeno davanti ai bambini. I dialoghi talvolta scritti in siciliano, i soprannomi e alcune descrizioni fanno intuire il legame profondo dell’autore con la propria terraLa scrittura essenziale e chiara e l’ottima costruzione della storia rendono questo romanzo un piccolo diamante assai prezioso: un libro che non si dimentica. Consiglio questo intenso romanzo a tutti i lettori, specialmente agli amanti del thriller poliziesco dalle scene rapide e potenti.

Ivo Tiberio Ginevra ha pubblicato due romanzi con Robin Edizioni, Gli assassini di Cristo (2011) pubblicato in una nuova edizione con I Buoni Cugini editori nel 2019, Sicily Crime (2012) di prossima pubblicazione con la casa editrice I Buoni Cugini e dichiara di non aver mai fatto una presentazione dei suoi romanzi. 
Peccato perché mi piacerebbe conoscerlo e fargli i complimenti!

E’ anche direttore della casa editrice  I buoni cugini editori che pubblica principalmente opere “dimenticate”, salvando dall’oblio autori come Luigi Natoli. Con questo romanzo inaugura la collana “Sbirri e Sbirrazzi”.

Gabriella Pinamonti

https://www.labottegadelgiallo.com/recensione/guarda-come-si-uccide/

Guarda come si uccide

Guarda come si uccide
di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Contorni di noir 

Prima di parlare del romanzo, vorrei fare alcuni cenni sull’autore, Ivo Tiberio Ginevra, scrittore ed editore nato in Sicilia, dove vive tuttora.

Fondatore della casa editrice “I Buoni Cugini editori“, il suo intento è quello di pubblicare opere ormai finite nel contenitore degli oggetti smarriti, a partire da alcuni romanzi di Luigi Natoli, come Squarcialupo, Alla guerra!, Gli ultimi saraceni.

Questi testi non sono mai stati tramutati in libro, ma pubblicati nelle appendici del giornale di Sicilia un secolo fa.

Ha pubblicato due romanzi con Robin Edizioni, Gli assassini di Cristo (2011) Sicily Crime (2012) e dichiara di non aver mai fatto una presentazione dei suoi romanzi.

E mi permetto di dire: “Peccato!”

Perché dopo aver letto questo libricino di 140 pagine di adrenalina pura, il primo istinto che avrete è quello di voler stringere la mano a questo scrittore, il quale ha compiuto ben due scelte coraggiose, quella di aprire una casa editrice – considerata la crisi del mercato editoriale – e di pubblicare il suo romanzo, il primo che inaugura la Collana “Sbirri e Sbirrazzi”.

La trama si svolge nel territorio che Ivo conosce bene: la sua terra, la Sicilia. E ci racconta quanto questa regione sia ormai corrotta e in mano a mafiosi senza scrupoli che non guardano in faccia a nessuno. Il codice etico non esiste più da tempo, così come la speranza di trovare un lavoro onesto e rispettabile senza finire nelle mani della criminalità organizzata.

Ma quando si è ragazzini, si pensa di essere invincibili, tanto da mettersi alla prova con atti di coraggio, entrando in una vecchia clinica abbandonata dei nobili Arpazza, per sfidare i compagni.

La sporcizia e la puzza di muffa all’interno del rudere non ricordano nulla di quello che era in precedenza, una villa trasformata in clinica polispecialistica e dedicata alle malattie respiratorie, bombardata durante la seconda guerra mondiale, causandone il crollo e la morte dei pazienti, dei medici e della sua fondatrice, Ninetta, l’ultima discendente della dinastia Arpazza.

Si diceva che fosse ormai abitata dai fantasmi e proprio per questo motivo méta di ragazzini con la voglia di scommettere chi se la sarebbe fatta sotto prima.

Così fanno Calogero e Ninni, insieme a Andrea, Mauro, Vicè, tutti fra i dodici e i tredici anni.

Comincia così un’avventura che difficilmente i loro occhi dimenticheranno mai..

Sui gradini Calogero pensa alla prova di coraggio che ha fatto con Ninni e con tutti gli altri, pensa ai fantasmi che non esistono e conclude che i mafiosi sono molto peggio degli spiriti.

Primo romanzo che leggo di Ivo Tiberio Ginevra, il quale è riuscito a condensare e a dare una struttura solida in così poche pagine a una storia che ha molto da raccontare, concentrata sui personaggi e sul dramma che ancora si vive in Sicilia. La mafia intesa nel senso più spregevole (perché…ce ne sono altri meno spregevoli?), in cui non c’è rispetto per nessuno, neanche per i bambini.

Un poliziesco con una ristretta ambientazione – mi ha ricordato i generi della “camera chiusa”, anche se in realtà non vi è un colpevole misterioso da scoprire, né un’indagine da portare avanti, ma solo porte da aprire e sorprese da scoprire.

Pensavo di trovare Camilleri..e invece mi sono imbattuta in Ivo Tiberio Ginevra.

Due diversi punti di vista, un’unica grande passione per la propria terra, la stessa consapevolezza di quanto il Male si annidi in profondità, senza lasciare spazio, né fiato, alla speranza.
Quanto coraggio ci vuole per affrontare le proprie paure? Quanto temiamo i nostri spiriti e quanto invece potrebbero vegliare su di noi? Alle volte sono più reali di quanto crediamo..

Lettura scorrevole ma molto cruda, forte.

Cecilia Lavopa

https://contornidinoir.it/2015/07/ivo-tiberio-ginevra-guarda-come-si-uccide/

Guarda come si uccide

Guarda come si uccide
di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Thrillercafé

Recensire un romanzo di un amico (tra l’altro, come molti di voi sanno, collaboratore di ThrillerCafé) non è semplice, ma cercherò di essere il più obiettivo possibile scrivendo di Guarda come si uccide.
Innanzitutto, mi preme sottolineare quanto Ivo Ginevra sia un autore la cui sensibilità vada di pari passo con quella che da tanto tempo dimostra da lettore. Se avete letto qualcuno dei suoi pezzi qui sul sito, saprete di cosa parlo: quella capacità di indagare sul messaggio di chi scrive, i temi che scorrono sotto le trame, dentro le parole. E come sa afferrare visioni e motivazioni dietro al narrato, allo stesso modo Ivo sa costruire una storia che non nasce su carta come incastro di eventi, né si alimenta da sola guidata dai personaggi. Certo, c’è trama a più livelli e ci sono protagonisti interessanti, ma soprattutto c’è la germinazione di una storia che vien su da un seme velenoso. La Mafia.
Quella che per qualcuno non è un tumore da estirpare ma un obiettivo a cui puntare. Don Pinuzzo se la sogna addosso, l’etichetta di mafioso, agognando il giorno in cui smetterà di orbitare attorno ai veri boss solo per discendenza onorata e sarà finalmente parte della Famiglia.
La mafia che non si ferma davanti a niente, neanche ai bambini, che in questa storia tra il thriller e il pulp fanno invece da carnificazione della speranza e del coraggio.
Un confronto che si sviluppa forse in poche pagine, agili e risuonanti anche nei dialoghi di sicilitudine (per dirla alla Sciascia) che non può non richiamare Camilleri, ma che a dispetto della breve durata arde anche a libro richiuso, perché questo round non è che uno degli innumerevoli che ogni giorno si combattono sotto il sole siculo.
E così, benché Guarda come si uccide non sia innovativo nell’impianto del narrato né nelle figure dei personaggi, siamo comunque di fronte a un assieme complessivo meritevole, impacchettato in un libriccino che non avrebbe sfigurato nel catalogo di editori un po’ più noti dei Buoni Cugini, che Ivo stesso ha fondato. E giusto per evitare dubbi: stavolta l’essere editore di se stesso non è un comodo aggiramento dei meccanismi editoriali ma solo una consapevole e deliberata rinuncia a fanfare chiassose e coccarde luccicanti.
Se avete occasione di leggere, concorderete con me.
Giuseppe Pastore
Guarda come si uccide

Guarda come si uccide
di Ivo Tiberio Ginevra
Recensione dal blog Liberidiscrivere 

1974. Un piccolo paese della Sicilia pieno di sole. Immaginatevi una clinica abbandonata tra detriti e sterpaglie, scenario ideale di una storia in bilico tra The body di Stephen King (ma se dico Stand by me – Ricordo di un estate, il film di Rob Reiner che hanno tratto, forse è più chiaro per tutti) e un racconto di Camilleri, impreziosito di dialetto siciliano e malinconia.

Ecco a voi il racconto Guarda come si uccide di Ivo Tiberio Ginevra, primo volume della collana “Sbirri e sbirrazzi” de I buoni cugini editore, casa editrice palermitana di proprietà dello stesso autore. Un vezzo, il racconto, una mascotte di una collana che ha l’ambizione di raccogliere manoscritti di genere poliziesco, thriller, noir, presumo non solo di ambientazione siciliana. (A proposito se ne avete uno ma davvero bello e scritto bene, visto il primo racconto lo standard è piuttosto alto, potete inviarlo a ibuonicugini@libero.it).

Dunque, dicevo, se vi piacciono le favole noir, con coraggiosi poliziotti infiltrati, mafiosi tra il caricaturale e il dannato, ragazzini pronti a mettersi alla prova, cani feroci e presunti fantasmi (ah, ci sono pure quelli, non temete), apprezzerete, come ho apprezzato io questo racconto in cui il bene e il male hanno il volto della Sicilia più vera, dove la mafia ancora (purtroppo) incide con le sue leggi e i suoi codici d’onore malato.

Ma in Sicilia non tutto è mafia, ci sono nobili altruisti e generosi che trasformano le loro ville in sanatori, (il personaggio di Ninetta vi riserverà qualche sorpresa, leggete attentamente le prime pagine) ci sono i carabinieri che rischiano e molte volte perdono la vita per salvare gli altri, e ci sono i ragazzini, per cui i rapporti umani sono ancora fondamentali, sani, i legami autentici.

Guarda come si uccide è un racconto delizioso (anche per gli amanti del pulp), scritto benissimo, e anche piacevolmente confezionato. Proprio l’oggetto libro. Mi preme segnalare infatti anche la bellissima copertina Dall’altra parte foto in bianco e nero di Maria Luisa Lamanna. Buona lettura!

https://liberidiscrivere.com/2015/10/22/guarda-come-si-uccide-ivo-tiberio-ginevra-i-buoni-cugini-edi...