I BUONI CUGINI EDITORI

Casa editrice

Introduzione di Salvo Cuccia (regista e nipote dell'autore): Il soldato Salvatore

Prefazione di Santo Lombino (direttore scientifico del Museo delle Spartenze)

Dopo decenni di racconti a parenti, amici e familiari, tra il 1968 e il 1972 mio nonno Salvatore scrisse le sue memorie della Prima Guerra mondiale in tre stesure e appunti sparsi. Ricordo che stava tra la cucina e il salone di casa sua, a rimettere insieme quei pezzi di memoria, con la consapevolezza di chi vuole lasciare ai propri cari una testimonianza di vita vissuta. Anche se i suoi cari allora sembravano già estenuati dalle versioni orali, sentivo a volte mio padre o i miei zii dire che il nonno stava continuando a scrivere, e dunque c'era un interesse attorno a quell'atto storico e stoico. Io ricordo che il nonno era orgoglioso di scrivere il suo diario della Prima Guerra mondiale. 

Salvo Cuccia

(Nipote dell'autore e regista)

Dalla prefazione di Santo Lombino

Dalla prefazione di Santo Lombino

Totò Cuccia scriveva a penna 46 facciate di fogli protocollo (presentate da una lettera accompagnatoria) in cui raccontava l’intero periodo di leva, conclusosi nel 1920, quando era stato congedato. Aveva messo su carta quei ricordi sui fatti di mezzo secolo prima, più volte raccontati ai numerosi parenti e agli amici, per un motivo pratico: avendo chiesto indennità spettanti ai reduci di guerra si era sentito rispondere che non risultava nulla nelle scartoffie ministeriali sul periodo in cui aveva combattuto, era stato ferito e rischiato di lasciarci la pelle: “Dunque dove sono stato per quattro anni?”.
Cuccia ha scritto e corretto due volte il suo testo, anche con l’aiuto della moglie Maria, autrice di componimenti poetici e quindi con una certa familiarità con la scrittura. Il tutto è stato infine trasferito in bella copia, con grafia abbastanza chiara. Lo stile è colloquiale, assai vicino al linguaggio parlato; utilizza raramente termini gergali dell’ambiente militare (come sembrano i verbi infrattarsi e abbaddenzare); usa un italiano regionale privo in genere d’influenze dialettali: unica eccezione, mi pare, il raddoppiamento nel vocabolo retticolati alla maniera dei siciliani e il termine lagrimogino evidentemente poco utilizzato prima (e dopo) gli eventi narrati. A ipercorrettismo è forse da attribuire l’invenzione del termine dietrovie al posto di “retrovie” e l’uso personale del verbo scatenarsi nel senso di “liberarsi, togliersi da un impedimento”, mentre è presente una qualche incertezza nell’uso degli accenti e dei segni di interpunzione. Le maiuscole sono “di rispetto”: così Impero, Fanteria, Sergente, Farmacista, Tenente, Austriaco, Armistizio, ecc.

Santo Lombino

(Direttore scientifico del Museo delle Spartenze)

Il tuo carrello

Spedizione:
Totale:

Concludi l'acquisto

1

Indirizzo

Nome
Cognome
Indirizzo
Città
Provincia
CAP
Email

2

Spese di spedizione

Seleziona la spedizione
 

3

Metodo di pagamento

Seleziona un metodo di pagamento
 
Grazie per il vostro ordine. Potrete effettuare il pagamento dell'ordine con bonifico bancario a Anna Squatrito 

presso BancoPosta Iban n. IT05R0760105138250609050613

Sarete subito contattati per i dettagli sulla consegna a mezzo corriere.

 

Importo totale:

Ordina