Niccolò Pizzorno: Un mondo nuovo.

Niccolò Pizzorno: Un mondo nuovo.

A volte i morti viventi ritornano a divorare un immaginario composto da simboli non ancora fatti a fettine, fagocitano storie inedite volte ad una rappresentazione geniale di problematiche attuali, le quali vengono deformate dalla lente di una satira sociale votata ad una presa di coscienza demistificante e liberatoria. L'illustratore genovese Niccolò Pizzorno, valente artigiano che si contraddistingue per una tecnica metamorfica, in continua evoluzione, cavalca le sfaccettature ambigue del reale ed elabora un gioco di specchi originale, citazionistico e divertito, proteso verso la grottesca denuncia di quella spiacevole caratteristica propria della stragrande maggioranza dei genovesi: il lamento. Lamento inteso come decadimento del dialogo, origine e termine di ogni spicchio di argomentazione, rinuncia ad una presa di coscienza progressiva, punto di vista monolitico e nucleare, atteggiamento di chiusura verso la novità, cecità ottusa che ferisce l'accoglienza, sonno della ragione che genera mostri. Niccolò Pizzorno ha la pretesa di aprire un'estesa breccia in quella spessa patina di monotonia che addormentata Genova, città timida, suscettibile e avara. Il mezzo espressivo utilizzato per tale scopo è il fumetto, medium in questo caso efficacissimo nel tentativo di configurare in un'anima di carta la protesta splatter verso un atteggiamento mentale autodistruttivo, portatore di uno status autoconservativo atto a demolire ogni possibilità di dialogo e di cambiamento.

 

Glauco Piccione

 

UN MONDO NUOVO sulla rivista SEGNALI DI CONFINE