Luigi Natoli: Il capitan terrore

Acquista il volume dal catalogo prodotti

Quel giorno era l’ultimo giovedì di carnevale, e la città era in festa più degli altri anni, perché sua Eccellenza il Vicerè, il duca di Medinaceli, maritava le due figlie, e già si erano avuti cinque giorni di festeggiamenti; quel pomeriggio doveva aver luogo in Piazza Marina il grandioso spettacolo della caccia intrecciata con una rappresentazione e con la giostra.

Era il 1560. A Palermo la nobiltà sfilava nelle antiche vie ricche di marmi pregiati. Dai palchi le dame ornate di gioielli e sete preziose guardavano un centinaio di cavalieri sfarzosamente vestiti, con cavalli coperti da gualdrappe, coi pennacchi in testa di vivaci colori. È in quest’atmosfera che gli occhi di Don Galvano di Valverde si riempivano di quelli della bellissima Donna Laura Serra. Ma c’erano anche quelli di Don Ludovico Sclafani e in questi non c’era solo amore, ma anche invidia, rabbia, disprezzo profondo.

Un romanzo corale, profondo, ricco d’azione, dove i sentimenti d’amore, odio, amicizia, malvagità, si mischiano alla perfezione fra inganni, avventura e coraggio, intrattenendo piacevolmente il lettore fino all’ultima pagina. E poi c’è la Sicilia, c’è Palermo, ricostruita alla perfezione come solo Luigi Natoli sapeva fare.

Il Capitan Terrore

Quarta di copertina

Quarta di copertina