I BUONI CUGINI EDITORI

Casa editrice

L'Abate Meli. Grande romanzo storico siciliano.

L'Abate Meli. Grande romanzo storico siciliano.

L'Abate Meli! E chi è che non lo conosce?

Pagine 725 - Riproduzione integrale del romanzo pubblicato a puntate in appendice al Giornale di Sicilia dal 19 settembre 1929. Segue il romanzo la riproduzione fedele all'originale dell'opera "Giovanni Meli. Studio critico" pubblicato dalla tipografia del giornale "Il tempo" diretta da Pietro Montaina del 1883. Chiude il volume una raccolta di poesie di Giovanni Meli tratte da Musa Siciliana di Luigi Natoli pubblicato dalla casa editrice Caddeo nel 1922; tutte le poesie sono corredate di traduzione in italiano a fronte. In appendice: alcune poesie di Giovanni Meli con traduzione in italiano a fronte. Tutte le traduzioni e le note non dell'autore, inserite per maggiore chiarezza di chi legge, sono a cura di Francesco Zaffuto. Il volume racchiude quindi tutto quanto Luigi Natoli scrisse sull'Abate Meli: quanto dagli editori è stato aggiunto, ha per scopo quello di far conoscere e di divulgare la poesia siciliana del grande Giovanni Meli.

Luigi Natoli amò fortemente la poesia e la stessa personalità  di Giovanni Meli. Sul poeta Siciliano scrisse molto e si adoperò al massimo affinchè la città  di Palermo rendesse onore ad uno dei suoi figli più¹ illustri. Di Natoli si ricordano le violente critiche dalle pagine del Giornale di Sicilia, contro il comune che non dava la giusta attenzione al poeta (le cronache del tempo testimoniano la polemica per la statua di Meli che doveva essere bella e in bronzo e soprattutto la sua collocazione pretesa in un punto rappresentativo di Palermo, nella specie Piazza Lolli).

Altrettanto feroce fu verso i critici e letterati, che non capirono o relegarono il Meli a semplice poeta popolare rappresentante dell'Arcadia. Luigi Natoli per sostenere la grandezza poetica e la filosofia del Meli davanti l'ottusa classe letteraria dell'epoca, scrisse nel 1883 l'eccellente studio critico che ancor oggi rende la dovuta giustizia al poeta siciliano.

Scrisse anche il romanzo L'abate Meli, pubblicato a puntate dal Giornale di Sicilia a partire dal 16 settembre 1929 che non è un romanzo biografico, ma un particolare intreccio narrativo per evidenziare quanto il Meli fosse maestro di vita e impareggiabile poeta.

Lo studio critico che io affido per le stampe si ingegna di presentare il Meli nel suo vero aspetto; e perchè quel che verrò dicendo non paia gratuita affermazione, ho illustrato il mio lavoro con l'aiuto dei manoscritti. E qui, poichè mi si potrebbero muovere degli appunti, m'affretto a dichiarare che io non ho inteso nè di scrivere una vita, nè di illustrare i tempi del poeta; ma semplicemente e puramente di esaminare nel modo più completo donde e come proceda l'arte sua, perchè egli indipendentemente dal suo genio poetico sia sempre una grande figura de la nostra istoria letteraria, perchè egli sia grande non solo come poeta ma come scienziato. 

Luigi Natoli

 

La cultura distratta e modaiola del secondo Novecento non ha saputo riconoscere il patrimonio letterario lasciato da Natoli ed ha dimenticato uno dei più grandi poeti della letteratura italiana, relegandolo al semplice ruolo di poeta dialettale; questa poderosa pubblicazione che contiene in un solo volume, il grande connubio letterario fra Luigi Natoli e Giovanni Meli, può contribuire alla riscoperta di un narratore e di un poeta che dovrebbero essere meglio conosciuti in tutta Italia e anche nella loro Sicilia.

Francesco Zaffuto

 

 

L'Abate Meli

Il tuo carrello

Spedizione:
Totale:

Concludi l'acquisto

1

Indirizzo

Nome
Cognome
Indirizzo
Città
Provincia
CAP
Email

2

Spese di spedizione

Seleziona la spedizione
 

3

Metodo di pagamento

Seleziona un metodo di pagamento
 

Importo totale:

Ordina