I BUONI CUGINI EDITORI

Casa editrice

Il paggio della regina Bianca. Romanzo storico siciliano.

Il paggio della regina Bianca. Romanzo storico siciliano.

...e la gloria dei Chiaramonte che ho istoriato nel soffitto dello Steri, rimane lì, deserta, solitaria, a contemplare i carnefici...

Pagine 702. Riproduzione fedele dell'opera originale pubblicata nel 1921 dalla Casa editrice La Gutemberg - Palermo.

Nel palazzo Steri di Palermo che fu l'antica sede dei Chiaramonte, la più ricca e potente nobiltà  siciliana del 1300, c'è l'affresco di un San Giorgio a cavallo che uccide il drago. Nulla di più comune, ma gli occhi attenti del visitatore noteranno che nello scudo del santo c'è lo stemma chiaramontano, come a voler avvalorare con forza, la gloria della nobile casata.

La vendetta. L'onore. L'amore.

Tre donne.

Un solo eroe. Giovannello Chiaramonte.

Fra storia e leggenda un capolavoro di Luigi Natoli ambientato nella Sicilia del 1400.

Pubblicità dell'epoca

Pubblicità dell'epoca

Così l'autore risponde alle critiche...

Durante la pubblicazione del romanzo c’era chi mi scriveva di farlo finire in un modo, e chi di farlo finire in un altro: chi la voleva cruda e chi la voleva cotta: v’erano i partigiani di Tarsia, di Iana, di Giovannello e di Simone; v’era chi voleva a ogni costo che la regina Bianca diventasse l’amante di Giovannello, mentre essa fu onestissima; chi voleva che Giovannello ridiventasse conte di Modica, mentre quest’ultimo rampollo dei Chiaramonte morì senza lasciar nessuna traccia di sé, come una nube che dilegua al sole… Insomma cento pareri, cento desideri, che ad appagarli, se avessi dovuto occuparmene, avrei dovuto scrivere cento Paggi paralleli.

Fortunatamente io avevo la mia idea.

L’autore, anche se scrive giorno per giorno la puntata da pubblicare, ha già nel cervello la trama e sa dove ha da arrivare. Il Paggio non poteva e non doveva avere altro scioglimento che quello che ebbe. Prosaico? Ma… Affrettato? Può essere e l’ho detto. Al pubblico non è piaciuto? Mi rincresce, ma non ho proprio che farci. Fischia? Si accomodi, non gli do torto, ma non riconosco d’averne io. Scrive male parole? Mi diverto io, dopo aver divertito lui con quattro romanzi… e mi apparecchio a divertirlo col quinto.

Luigi Natoli

(da un articolo del Giornale di Sicilia dell'epoca) 

 

Il paggio della regina Bianca

Il tuo carrello

Spedizione:
Totale:

Concludi l'acquisto

1

Indirizzo

Nome
Cognome
Indirizzo
Città
Provincia
CAP
Email

2

Spese di spedizione

Seleziona la spedizione
 

3

Metodo di pagamento

Seleziona un metodo di pagamento
 

Importo totale:

Ordina