I BUONI CUGINI EDITORI

Casa editrice

Pagine 172 - Prezzo di copertina € 13,00

A marzo di quest’anno ho ideato un progetto: raccogliere e trascrivere le testimonianze della senatrice Liliana Segre sulla sua esperienza di ragazzina che ha vissuto la Shoah e farne un volume da proporre soprattutto ai giovani, quale preziosa lezione sul valore della vita.

Ho sottoposto il progetto alla Senatrice Segre che con mia grande gioia lo ha accettato: da quel momento, ho ascoltato le sue parole nei diversi incontri da lei fatti con i giovani nelle scuole (gli incontri sono indicati nella premessa del libro) ed ho composto il libro trascrivendo tutti i passi della sua terribile esperienza, in ordine cronologico, dal momento in cui sono emesse le leggi razziali del 5 settembre 1938 e Liliana Segre, bambina di otto anni, non può più frequentare la scuola pubblica, fino alla fuga, all’arresto, alla deportazione, alla vita nel campo di Auschwitz-Birkenau, alla marcia della morte, ai successivi campi, fino alla liberazione nell’aprile del 1945. Ogni passo della pubblicazione è stato sottoposto all’attenzione della Senatrice Segre e da lei approvato: dalla prima bozza del libro, alla composizione della copertina, al titolo, alla quarta di copertina… Non abbiamo fatto nulla senza prima avere il suo consenso.

Ed ecco il libro, LA CIVILE INDIFFERENZA, che si compone di due parti: nella prima la testimonianza di Liliana Segre diretta, chiara, in diversi punti commovente, nel suo complesso tragica e “indicibile”. Nella seconda “La dichiarazione sulla razza e le leggi razziali del 1938”: la trascrizione delle leggi razziali emesse il 5 settembre, il 6 ottobre, il 15 novembre, il 17 novembre del 1938 e l’elenco delle successive. La foto in copertina, che riassume perfettamente il titolo del libro, è di Maria Luisa Lamanna: "la civile indifferenza" chiude le finestre, e ti lascia dietro a un muro grigio.  

Il volume fa parte della collana “nel Bene e nel Male” edita I Buoni Cugini editori che raccoglie diari, testimonianze, cronache, biografie, affinché nulla venga dimenticato. 

Anna Squatrito

La civile indifferenza. Premessa degli editori

Abbiamo ascoltato le testimonianze della Senatrice Liliana Segre negli incontri con gli studenti,  partendo da quello tenuto a Lugano il 03 dicembre 2018 e lo abbiamo integrato con le parti mancanti, ascoltate da altri incontri sempre con i giovani, trascrivendo i fatti nell’ordine cronologico di narrazione.
Il risultato è la raccolta delle esperienze della Senatrice Segre dal momento in cui vengono emesse le leggi razziali del 5 settembre 1938 e via via fino alla deportazione, alla vita nel campo, alla marcia della morte, alla vita nei successivi campi, fino alla liberazione. Si è cercato di cogliere, oltre il racconto in se stesso, le riflessioni su determinati fatti e i consigli che la Senatrice dà ai giovani; perché infine è questo per noi editori lo scopo fondamentale del libro: una preziosa testimonianza che dà un grande insegnamento ai giovani sul valore della vita, sulla “scelta della vita” e sulla fiducia in se stessi.
Di seguito sono indicate le fonti da cui è trascritto il testo; nella maggior parte sulla base delle conferenze ai giovani, e in alcuni particolari (come ad esempio il racconto del Campo degli Zingari o una piccola parte della conclusione, “il sapore della libertà”) le altre:
Viaggio nella Memoria Teatro dal Verme 2005 Milano
Chiesa Santa Famiglia 7 novembre 2008 Fano
Giorno della Memoria 2012
Scuola Normale Superiore 26 febbraio 2016
Giorno della Memoria per le scuole 2018
Teatro Ponchielli di Cremona 19 febbraio 2018
Agli studenti di Genova 9 ottobre 2018
Lectio Magistralis al Liceo Caetani 26 ottobre 2018
Lugano 03 dicembre 2018
Università di Padova 04 dicembre 2018
Premio Passaggi 2018 (per la parte relativa alla descrizione del Campo degli zingari)
I vari passi del racconto sono distinti da una frase in “maiuscoletto”; nulla delle parole e delle espressioni della Senatrice è stato cambiato, nulla è stato aggiunto. A completamento del libro, abbiamo inserito il testo delle leggi razziali emesse nel 1938, soffermandoci in modo particolare sul R.D.L. 5 settembre 1938, n. 1390 (Provvedimento per la difesa della razza italiana nella scuola) e il successivo R.D.L. 15 novembre 1938, n. 1779 (Integrazione e coordinamento in testo unico delle norme già emanate per la difesa della razza nella scuola italiana Regno d’Italia 1938)  proprio per dare ai ragazzi l’opportunità di leggere e approfondire le fonti di quello che fu l’inizio del genocidio, il tutto corredato dalle foto dei vari giornali dell’epoca.
Concludiamo la premessa con le parole della Senatrice Segre, con cui lei di solito dà inizio agli incontri con i giovani, affinchè siano da monito a chi troppo facilmente dimentica o a chi, con troppa leggerezza, affronta questo argomento.

“Ritengo un mio grande dovere dare voce, dare luce a quei sei milioni di esseri umani che sono stati sterminati, non perché avessero fatto qualcosa ma per la colpa di esser nati.
E ho cominciato con molta umiltà, perché io non mi sono mai occupata di politica, anche se adesso sono una Senatrice, non sono stata mai un’insegnante, non ho mai avuto occasione di parlare in pubblico e non sapevo se mi fosse uscita la voce per raccontare l’indicibile, come scrive giustamente Primo Levi.
In realtà nessuno di noi sopravvissuti ha nel proprio vocabolario, anche se ricchissimo... compresi i filosofi, gli intellettuali che hanno potuto portare la testimonianza, neppure loro hanno potuto trovare le parole per dirlo, perché è indicibile.
Ma quasi tutti sceglievamo la vita.
Anche in quelle condizioni. In quelle condizioni di fame, di diventare scheletri, di non avere più le mestruazioni, di aver perso tutte le famiglie, di vedere il crematorio, di vedere la ciminiera, di sapere tutto l’orrore che abbiamo capito essere quel posto... tutti sceglievamo la vita.

Liliana Segre”

Il tuo carrello

Spedizione:
Totale:

Concludi l'acquisto

1

Indirizzo

Nome
Cognome
Indirizzo
Città
Provincia
CAP
Email

2

Spese di spedizione

Seleziona la spedizione
 

3

Metodo di pagamento

Seleziona un metodo di pagamento
 

Importo totale:

Ordina