Acquista il volume dal catalogo prodotti

"L'orafo, come qualunque artigiano è l'uomo provetto: abile di mano, lesto di lingua e creativo. Se poi pure è in grado di scrivere di sè e della propria arte allora è un demone capace di accendere l'animo di chiunque vi s'imbatta."

Adriano Meis.

Orafo da sempre, Carlo Oliveri nasce a Palermo il 29/10/1959 e fin da subito manifesta una spiccata attitudine per i lavori di grande precisione manuale, così dal passatempo del modellismo statico è arrivato all'amore per la lavorazione delle gemme e dei metalli nobili, diventando uno dei migliori artigiani orafi di Sicilia, in grado nelle sue creazioni di saper coniugare l'antico e il moderno con disarmante semplicità, usando vecchie tecniche di manipolazione tramandate da orafi d'indiscussa fama e avvenieristiche trasformazioni che strizzano l'occhio ai tempi futuri.

Carlo, oltre al suo lavoro ha due grandi passioni: la famiglia, alla quale riconduce tutta la sua vita - prova ne è la stessa dedica del romanzo - e la città di Palermo dove è nato ed ha sempre vissuto. Un amore che traspira in tutte le pagine di questa storia ricca d'invenzioni e di grandi sentimenti; e data la passione che Carlo mette nelle sue cose ne leggeremo delle belle!

Palermo 1974. È una domenica soleggiata, ma non una come tante altre. C’è l’austerity. Molti governi dei paesi occidentali per contenere il consumo energetico del petrolio hanno emanato notevoli misure di risparmio. Fra queste c’è il divieto di circolazione delle autovetture. Anche Palermo non si sottrae a questa imposizione, e proprio grazie a questo molti abitanti del capoluogo iniziano a rivivere le domeniche godendosi la propria città. 

E'  il caso di Giovanni che dopo una lunga passeggiata nel viale della Libertà adesso sta sorseggiando un caffè nel centralissimo bar Roney. La sua è una vita serena. Un lavoro che lo soddisfa, nessun problema economico, un amico fraterno, Piero, col quale è cresciuto e una mamma fantastica. Gli manca una donna, però da un po’ di tempo nella sua bottega di orafo ai Quattro Canti c’è una cliente speciale: Lucrezia ed è bellissima.

All’improvviso alcuni colpi di pistola squarciano il silenzio domenicale. Nella traversa accanto si è consumato un omicidio. Giovanni riconosce un volto tra la folla di curiosi ma non da peso a quello che vede perché il suo cuore è pieno di Lucrezia, ma poi inevitabilmente il corso degli eventi insieme a delle scoperte inaspettate, lo porterà a indagare in un vortice di emozioni e colpi di scena narrati con delicatezza e sapiente uso della suspence.

Pagine 89 - Prezzo di copertina € 10,00